Profumi ed edonismo

Le nuove frontiere dell’uso del profumo: terme, spa, centri benessere e non solo…
Stiamo assistendo a un mutamento della consapevolezza del ruolo che il profumo assume nel nostro quotidiano e dell’uso degli odori: il profumo non rappresenta più soltanto un messaggio rivolto all’esterno, non è più solo un prodotto di igiene o un mezzo di seduzione, ma viene vissuto come un veicolo di benessere. In fuga da una realtà sempre più virtuale, cerchiamo di riconquistare una dimensione più “a misura d’uomo”, attraverso la ricerca di nuove forme di edonismo, per raggiungere l’equilibrio del corpo, dello spirito, dei sensi.

antichi greci

Il concetto, ancora una volta, non è nuovo: già presso gli antichi Greci, appassionati cultori della bellezza, la profumazione del corpo entra a far parte della vita quotidiana ed è un completamento della bellezza femminile. I Romani di ogni estrazione sociale frequentavano le terme, ambienti dove si praticavano massaggi con olii ed unguenti profumati, trattamenti specifici di pulizia per la pelle e acconciature: gli antenati delle beauty farm?

Questa ricerca dello star bene, oggi, in quali forme si manifesta?

TERME E SPA
Da qualche anno si verifica una crescita esponenziale del turismo termale: se le terme esistono da sempre, non sono mai state così frequentate come ultimamente. Vera e propria ricchezza nazionale, gli stabilimenti termali in Italia sono diffusi in quasi tutte le regioni. Situati in sereni ambienti naturali, campestri o montani, ed in strutture architettoniche particolarmente curate e studiate per rilassare corpo e mente, sono frequentati da coppie, famiglie, singoli, a dimostrazione del fatto che la vacanza-benessere viene vissuta dal pubblico come una vera e propria esigenza e non come un passatempo “frivolo”, o dedicato esclusivamente ad un pubblico femminile.

E’ cambiato anche l’approccio: nella tradizione terapeutici e curativi, ora i trattamenti sfruttano le virtù sensoriali dei profumi e degli odori. La barriera dell’aromaterapia è stata superata : siamo nell’era dell’aromacologia.

cioccolatoStanchi o stressati? Lasciatevi coccolare dal massaggio al cioccolato, chiamato anche “massaggio del sorriso” perché già il solo pensiero mette di buon umore. Contenendo sostanze come caffeina e teobromina, è in grado di stimolare il sistema nervoso centrale e migliorare l’umore, in una full immersion polisensoriale di benessere fisico e mentale.

In molti centri benessere vengono eseguiti trattamenti che sfruttano le proprietà della rosa: massaggi, pulizie del viso con olio di rosa e bagni in acqua di rose …. profumati e ricchi di acidi grassi insaturi, possiedono proprietà antinvecchiamento, rigeneranti e rinfrescanti.

La caffeina viene utilizzata come coadiuvante per il trattamento della cellulite: stimola l’attività degli enzimi, per un effetto riducente. Viene spesso associata a noce di cola, foglie di tè, guaranà, fucus.

vinoterapiaNato in Francia, il concetto di vinoterapia trova in Italia materie prime e premesse culturali molto favorevoli, per sviluppare programmi antinvecchiamento basati sulle proprietà dell’uva e dei suoi estratti.

CITY SPA

Ma benessere non è necessariamente sinonimo di vacanza e sempre più si declina in formato quotidiano, in dosi omeopatiche e vicino a casa: nascono un po’ dappertutto le City Spa. I trattamenti proposti sono veri e propri percorsi polisensoriali, per alleviare lo stress del corpo e dell’anima.

Si diffonde la frequentazione degli Hammam (il bagno turco, ispirato ai bagni greci, bizantini e alle terme romane) e l’approccio con trattamenti rilassanti provenienti da altre culture, per noi scoperta recente, ma che vantano storie e tradizioni millenarie: massaggi a base di olii essenziali, fiori, frutti, immersioni in acque ed atmosfere profumate… pratiche che mantengono intatto il loro fascino esotico, pur essendo  ormai entrate a far parte delle nostre abitudini.

NUOVE FRONTIERE: L’ARCHITETTURA OLFATTIVA E GLI OGGETTI PROFUMATI NEGLI AMBIENTI QUOTIDIANI
Non è sempre possibile o facile ritagliarsi momenti di relax durante le pause della giornata. Ora esistono apposite tecnologie che, attraverso dispositivi programmabili a seconda delle esigenze e delle ore del giorno, permettono di diffondere particolari fragranze in grado di rilassarci e riequilibrarci, nei vari ambienti di lavoro e, perché no, anche domestici. Pratiche sempre più diffuse anche in luoghi pubblici, alberghi, showroom e punti vendita, verso un concetto di marketing olfattivo.

Oggetti di uso comune rilasciano essenze profumate al minimo tocco o movimento. Le ultime frontiere sono state superate: ora è il benessere che entra direttamente nei nostri spazi quotidiani.