iscriviti alla newsletter




Informativa sulla privacy

L'indirizzo e-mail inserito sarà custodito nel rispetto dei principi della normativa sulla privacy e sulla sicurezza nel trattamento delle informazioni e verrà utilizzato da Cosmetica Italia e dagli enti ad essa collegati quali Cosmetica Italia Servizi Srl unicamente per sottoporre informazioni sulle proprie iniziative e sui propri servizi. In qualsiasi momento é possibile rivolgersi a Cosmetica Italia - inviando una mail al seguente indirizzo privacy@cosmeticaitalia.it oppure telefonando al numero 02.28.17.73.1 per esercitare diritti di accesso, rettifica, opposizione al trattamento riconosciuti dalla normativa sulla privacy. Relativamente al diritto di fare cessare gli invii e-mail di informazioni sulle nostre iniziative, si tenga conto che in ciascuna comunicazione sarà previsto un apposito link che consentirà di cancellarsi agevolmente dalla lista di distribuzione.








storia del profumo




Il Medioevo: i profumi e la loro virtł

Con la caduta dell’impero romano nel 476 d.C. viene in parte smarrito, o dimenticato tutto il bagaglio di conoscenze, scientifiche e non, e di usi e costumi acquisito dall’Occidente nel corso di secoli di scambi tra i popoli del bacino del Mediterraneo.

Grazie all’opera di conservazione della chiesa, molti documenti antichi sopravvissero alle invasioni barbariche; ma fu soprattutto grazie al mantenimento di una fitta rete di contatti e scambi commerciali col vicino Oriente (soprattutto con gli Arabi) che prosegue e si sviluppa la cultura e la scienza nel Medioevo.

Il cattolicesimo è ormai riconosciuto e diffuso. L’uso dell’incenso si diffonde al di fuori del culto. Gli aromi, considerati beni preziosi, sono offerti durante le grandi occasioni, in previsione di scambi futuri: il califfo di Bagdad, Haroun al-Raschid, ne offre all’imperatore Carlo Magno.

Grazie alle Crociate (1096-1291) gli scambi tra Oriente e Occidente si intensificano, migliorando così i canali commerciali. I Crociati importano dall’Oriente aromi e spezie nuove e reintroducono l’abitudine di accompagnare la toilette con applicazioni profumate. Dal 10° al 15° secolo, Venezia è il grande centro della distribuzione e del commercio marittimo in tutta l’Europa. In Spagna, gli Arabi danno un grande contributo alla profumeria: dal 10° al 13° secolo Cordova rivaleggia con Bagdad in lusso ed erudizione.

Si sviluppa una grande concorrenza tra apotecari, speziali, venditori di erbe e venditori di aromi. Nel 13° secolo, si cominciano a regolamentare in modo più preciso le differenti corporazioni dei Mestieri.

Nel Medioevo, uomini e donne si bagnano spesso: come nell’Antichità, i bagni sono aromatizzati con erbe e profumi. Costituiscono una norma di cortesia nei confronti degli invitati. I bagni sono fatti senza divisione tra i sessi, vi vengono serviti i pasti. Solo i grandi personaggi hanno bagni privati; vi sono anche numerosi bagni pubblici a cui chiunque può accedere. Il ruolo igienico dei bagni serve talvolta come pretesto per altre attività. In seguito a numerosi scandali, i magistrati chiedono che i sessi siano separati e il clero esige la chiusura definitiva dei bagni.

A tavola vengono portate ai convitati bacinelle di acqua profumata per sciacquarsi le mani: a quest’epoca infatti si mangia ancora con le mani.

Fino al Rinascimento, l’uso dei profumi alla violetta, alla lavanda, al fiore d’arancio si diffonde presso le dame nobili o fortunate e quelle eleganti nascondono sotto le loro vesti o nella biancheria sacchetti profumati.

Nel 1347, un vascello genovese di ritorno da un viaggio sulle coste del Mar Nero, riporta con sé la peste. Nel giro di un anno tutta l’Europa è contagiata: aspersioni, fumigazioni e vini aromatizzati sono utilizzati per lottare contro il contagio. Uomini e donne inalano materie aromatiche preziose contenute in palline odorose, chiamate anche mele di musc o di ambra, in seguito pomanders.
Per purificare e profumare le case si brucia dell’alloro o del rosmarino nei camini e si cosparge il pavimento di erbe odorose.

A Salerno si scopre la distillazione dell’alcool. Sostituendo l’olio come eccipiente del profumo, questo liquido volatile e neutro trasforma radicalmente la profumeria: è nata la profumeria alcolica.
Cinquant’anni dopo, verso il 1370, la regina Elisabetta di Ungheria ispira il primo nome di un profumo: l’acqua di Ungheria, un estratto di rosmarino e di lavanda a base di alcool. Secondo la leggenda, l’eremita che compose questa fragranza e che la presentò alla regina le assicurò anche che avrebbe mantenuto intatta la sua bellezza fino alla morte. Sembra che l’incanto avesse funzionato, dal momento che Elisabetta di Ungheria sposò il re di Polonia all’età di 70 anni.

A quest’epoca Grasse è già rinomata per le sue concerie. Dal 12° secolo intrattiene fitti legami commerciali con Genova ma soprattutto con la Spagna dalla quale acquista le pelli. Gli abitanti di Grasse distillano già le piante e vendono i loro prodotti sui mercati, ma la città non ha ancora ottenuto una grande fama.

Apparso verso la fine del 16° secolo, l’aceto aromatico è tradizionalmente una miscela di aceto al quale si aggiungono in proporzioni variabili prodotti odorosi naturali e freschi, solitamente essenze di fiori e di frutti. Il prodotto, dall’aroma intenso viene utilizzato come rimedio contro i malanni: se ne fanno solitamente inspirare i vapori alle dame che svengono, per rianimarle.

Sacchetti profumati

Non c’è modo migliore per profumarsi che riporre aromi con i propri vestiti.

Alcune “ricette della nonna”: 

  • Le rose dalla Provenza sono le migliori da mettere nella biancheria.
  • Un'acqua dolce per profumare i vestiti deve contenere: acqua di rosa, lavanda, iris, gelsomino, muschio, un pizzico di ambra grigia e lo zibetto, qualche goccia di olio di chiodo di garofano; il tutto messo in un vaso di vetro con coperchio e posto sul davanzale di una finestra in pieno sole per dieci giorni.
  • Per preparare un'acqua dolce, speciale per profumare i vestiti durante la stiratura, si diluisce un cucchiaino di questo concentrato profumato in una bacinella di acqua da spruzzare sui vestiti durante la stiratura.

Pomander

Dal Medioevo fino al 18° secolo ebbe grande diffusione il pomander, un contenitore per profumo fatto generalmente di metallo traforato allo scopo di lasciar traspirare la fragranza scelta. Alcuni pomanders erano oggetti raffinati, ornati con gemme preziose: in Francia venivano talvolta realizzati in cristallo o in onice.

Chiunque poteva permettersi un pomander: non solo per l’evidente scopo di mascherare la cattiva igiene, ma anche perché si credeva che i profumi avessero un potere medicinale, tale da assicurare persino la protezione contro la peste. Dal 14° al 17° secolo, questi contenitori di profumo erano solitamente appesi al collo o alla cintura.
Questi oggetti erano tipicamente a forma di pera o di mela, dal francese “ambre du pomme”, mela ambrata.

I pomanders venivano riempiti con una miscela di diverse sostanze resinose. Qualche modello aveva più sezioni, per inserire diversi profumi e a volte un compartimento con una spugnetta imbevuta di aceto balsamico. Anche una noce moscata con una montatura d’argento veniva usata come pomander e a volte la frutta veniva svuotata e farcita di erbe, aromi e spezie.

Materiali spesso utilizzati nei pomanders sono benzoino, storace, gomma arabica, laudano, radice di iris, musk, zibetto, ambra grigia, noce moscata, chiodi di garofano, cannella, lavanda, olio essenziale di rosa, aloe vera, canfora, dragoncello, rosmarino, nardo. 

Le corporazioni dei Mestieri

La nascita delle arti, corporazioni di mestieri, sorte fra la fine del 12° e l’inizio del 13° secolo, favorì in larga misura lo sviluppo della vita economica, politica e sociale in tutta Europa. Organizzate secondo un sistema che prevedeva il raggruppamento dei suoi membri in categorie lavorative, all’interno delle quali venivano difesi gli interessi comuni e promossi gli scambi commerciali, tali corporazioni furono favorite alla nascita dall’intensificarsi dei traffici commerciali e dal ramificarsi di sempre nuove attività.

A Firenze, le sette Arti Maggiori più ricche e potenti, si divisero dalle quattordici meno importanti, chiamate Arti Minori. Dalla seconda metà del 13° secolo, però, quando le singole arti acquisirono maggiore importanza politica vennero introdotte anche le Arti Mediane. Le Maggiori corrispondevano alla classe dei ricchi mercanti, banchieri e artigiani, oltre a professionisti come medici, pittori e giuristi; appartenevano alle Mediane beccai, calzolai, fabbri, intagliatori di pietra e di legname e i rigattieri. Infine, delle Minori facevano parte i mercanti al minuto e i manovali. Tra tutte le arti, la più attiva e potente fu quella della Lana che già dalla seconda metà del Quattrocento dovette contendere il primato all’emergente arte della Seta.

L’entrata in una corporazione era regolata da precise condizioni: solo i figli legittimi di un membro, che avevano dimostrato con un’opera perfetta di conoscere il mestiere e che pagavano la tassa, potevano accedere all’Arte. Compito principale delle Arti era quello di mantenere il governo democratico della città, pur controllando e tutelando le proprie attività più strettamente professionali.

Bacinelle di acqua profumata

Le acque per lavare le mani si usavano nelle tavole medioevali, aggiungendo petali di rosa e di viola in acqua, o facendo un'infusione di erbe: a tale proposito si utilizzavano salvia, camomilla, origano o rosmarino bollito con la buccia dell’arancia.

 

 

 

 

Acqua di Ungheria

L’acqua della regina di Ungheria viene citata in tutti i libri sul profumo come uno dei primi profumi a base di alcool, datato circa verso la fine del 1300. Secondo la tradizione, l'acqua fu preparata come un trattamento per i reumatismi o la gotta di cui la regina soffriva nella sua vecchiaia. Come rimedio o trattamento di bellezza, riuscì talmente bene da indurre un re di venticinque anni a sposarla.

La ricetta originale per la preparazione di questa lozione inestimabile è scritta dalla stessa Elisabetta, regina di 'Ungheria:
“Io, Elisabetta, regina dell'Ungheria, essendo molto inferma e colpita dalla gotta durante il settantaduesimo anno di età, ho usato per un anno questa ricetta datami da un vecchio eremita che non avevo mai visto prima né più da allora. Non solo sono guarita, ma ha recuperato la mia forza e salute ed era così manifesto a tutti che il re di Polonia mi ha chiesto in sposa, lui che è un vedovo ed io una vedova. Io ho tuttavia rifiutato per amore del mio signore Gesù Cristo, dai cui angeli credo di aver ricevuto il rimedio. La ricetta è la seguente: Acqua distillata quattro volte, tre parti, le parti superiori e fiori di rosmarino, due  parti. Unire in un vaso, lasciar bollire a fuoco delicato per cinquanta ore e poi distillarlo in un alambicco. Prendere un sorso del preparato alla mattina ogni settimana, nei cibi e nelle bevande, ed ogni mattina lavare con esso la faccia ed il membro malato”.

Le acque profumate sono gli antenati sia dei cordiali alcolici che dei profumi e dei prodotti a base di alcool moderni per la cura del corpo. Le acque ritenute migliori sono di fiore di rosa ed arancio, entrambi sottoprodotti della distillazione dei relativi olii essenziali. L'erba semplice e le acque di verdure di tutti i generi nel 16° secolo erano ricavate tramite distillazione “fredda” o mescolando erbe e verdure con vino o alcool mediante la distillazione “calda”. Le acque inoltre sono state usate come gli astringenti, per lavarsi le mani e come bevande medicinali.