iscriviti alla newsletter




Informativa sulla privacy

L'indirizzo e-mail inserito sarà custodito nel rispetto dei principi della normativa sulla privacy e sulla sicurezza nel trattamento delle informazioni e verrà utilizzato da Cosmetica Italia e dagli enti ad essa collegati quali Cosmetica Italia Servizi Srl unicamente per sottoporre informazioni sulle proprie iniziative e sui propri servizi. In qualsiasi momento é possibile rivolgersi a Cosmetica Italia - inviando una mail al seguente indirizzo privacy@cosmeticaitalia.it oppure telefonando al numero 02.28.17.73.1 per esercitare diritti di accesso, rettifica, opposizione al trattamento riconosciuti dalla normativa sulla privacy. Relativamente al diritto di fare cessare gli invii e-mail di informazioni sulle nostre iniziative, si tenga conto che in ciascuna comunicazione sarà previsto un apposito link che consentirà di cancellarsi agevolmente dalla lista di distribuzione.








apporto della scienza




apporto della scienza

Lo sviluppo della chimica organica, che ha portato alla scoperta dei prodotti sintetici per la profumeria, si situa attorno alla fine del 19° secolo e ha arricchito e continua ad arricchire la “regia” del profumiere, dando la possibilità di conferire maggiore originalità alle sue composizioni. Infatti, alla scoperta di una grande molecola spesso corrisponde la creazione di un grande profumo.

Origini e ispirazioni sono diverse. Vi sono quelle isolate dalle piante, come la cumarina (1868) dalle fave di tonka, il linalolo (1919) dal legno di rosa e l’eugenolo (1939) dai chiodi di garofano, per citarne solo alcune.

Quelle completamente “astratte”, come le aldeidi hanno segnato una tappa fondamentale nell’evoluzione dei profumi femminili con creazione di fragranze “cult”: Chanel N. 5, Arpège, L’Interdit di Givenchy, Rive Gauche, First, White Linen. Nel 1903,  quando Darzens e Blaise sintetizzarono una serie di queste sostanze, rimasero a lungo nei cassetti dei ricercatori perchè furono rivoluzionarie per l'epoca, fino al 1921 quando entrarono nella composizione di un profumo archetipo per eccellenza. 

Altrettanto importanti gli sviluppi delle molecole marine che hanno aperto nuovi orientamenti olfattivi nei primi anni ’90 e l’ideazione dei muschi bianchi, vera e propria rivoluzione nell’ambito della sensualità e dell’ecologia.

Perché, contrariamente a un’opinione diffusa, le molecole di sintesi non costituiscono una riproduzione economica della natura, anzi sono diventate un complemento indispensabile delle sostanze naturali e una compensazione di quanto la natura ci offre in modo variabile e discontinuo, nel rispetto della preservazione dell’ambiente.

La produzione di ogni nuova molecola rappresenta investimenti consistenti per anni di ricerca, seguiti da processi di fabbricazione spesso lunghi e complessi, test di tossicità e registrazioni di costosi brevetti prima di ottenere sostanze che permetteranno di esprimere nuove emozioni.

E la ricerca non si ferma mai. Nuovi orizzonti si profilano con i risultati ottenuti dalla chimica chirale fondata sul processo di sintesi asimmetrica, che permette di isolare e produrre molecole innovative (enantiomeri), come alcune note fruttate o di musk, dalle prestazioni olfattive molto elevate. Per lo sviluppo di tali metodi, il professore Ryoji Noyori, membro del consiglio di amministrazione di Takasago Giappone ha diviso il premio Nobel per la chimica nel 2001 con William S. Knowles e K. Barry Sharpless.