Jean Jacques e Takasago

Il parallelo tra musica e profumo è indubbiamente uno dei temi più contemplati e il percorso di Jean Jacques lo illustra appieno.

Già a 16 anni si poteva definire un ottimo pianista e un serio intenditore di jazz tanto da aspirare, a 20 anni, a un posto al conservatorio. Allo stesso periodo, però, grazie a un amico scopre  il mondo dei profumi e l’ISIPCA e sarà la rivelazione fortuita che trasformerà il corso della sua carriera.

Da allora asseconderà di pari passo le sue due passioni, dopo una maturità in scienze, una laurea in biochimica e il conseguimento di un brillante concorso in ISIPCA.

Nel 1993, intraprende un tirocinio in Quest, al fianco di due simboli per molti giovani creatori: Pierre Bourdon e Maurice Roussel. E poi la svolta a est: una prima esperienza lavorativa in Kao Corporation, per raggiungere poi lo studio creativo di Takasago nel 1997, dove da allora imprime alle sue composizioni il tocco delicato di un musicista unito alla sua abilità di giocare con le materie prime come con il Lego, volentieri in collaborazione con i suoi colleghi.

Creazioni
Kenzo Fleur de Prunier (in collaborazione con F. Kurkdjian)
Kenzo Fleur de Yuzu
Christian Lacroix C’est la fete (in collaborazione con F. Kurkdjian)
Davidoff Silver Shadow Attitude
Givenchy Absolutely
Givenchy Gentleman Only (in collaborazione con F. Kurkdjian)
Nikos Sculpture Blue Breeze
Ted Lapidus Pour Homme