29/06/2018 | Corriere della Sera - Liberi Tutti |

Quando non è sul podio, il direttore musicale del Maggio Fiorentino, Fabio Luisi, si rinchiude nel suo piccolo laboratorio svizzero. Essenze, pipette, bilancini e un quaderno per segnare i tentativi e le formule.