Incline all’arte ma con un’anima scientifica, nativo dell’Alta Savoia e cresciuto a Nizza, ha conseguito una laurea in chimica dopo aver preso il diploma di maturità. Approdato per caso alla scuola di profumeria e cosmetici ISIPCA, con impegno e dedizione si laurea nel 2010 dopo un apprendistato in Givaudan con la sua “madrina della profumeria”, Nathalie Cetto. Jérome di Marino avrebbe quindi trascorso l’anno successivo nell’unità olfattiva di Givenchy, valutando le composizioni presentate dalle varie aziende. Era il lavoro ideale per una persona Jerome, entusiasta di incontrare colleghi di tutte le professioni e conoscere personaggi e talenti. Nel 2012 entra in Takasago come apprendista profumiere sotto Francis Kurkdjian. Trascorre due anni all’ombra del suo mentore, che in realtà sono anche due alla sua luce, imparando un rigore e un perfezionismo che difficilmente avrebbe dimenticato. Jérome lavora al progetto Black per Daniel Hechter, che ha ottenuto un premio FIFI nel 2015. E così nasce una stella. Dal 2017, è un profumiere-creatore a tutti gli effetti con il desiderio di dimostrare a tutti coloro che hanno confidato in lui che avevano ragione a farlo. L’arte è sempre presente: sullo sfondo della sua vita quotidiana, in primo piano nei marchi di nicchia con cui lavora.


Il mio ricordo del profumo: “Marrakech e i souk, fiori d’arancio e spezie, cedro dell’Atlante scatole con quell’odore legnoso, denso, quasi animale. ”
Il mio viaggio: “Sri Lanka, quei magnifici paesaggi con il loro tè e terrazze di cardamomo nella regione montuosa. ”
La mia ispirazione: “La mostra Soulages al Centro Pompidou. Un artista che ha dedicato la sua vita a un tema e un solo tema, il nero, con creatività, profondità e densità. ”
La mia fragranza iconica: “Kouros di Yves Saint Laurent, che indossava mio padre. Un vero cliché di mascolinità molto animale e avvincente. Mia madre indossava Diva, quindi c’era abbastanza cacofonia quando si stava in macchina … ”
Il mio colore: “Bianco, è incolore ma anche un simbolo di purezza. Rappresenta anche la tela bianca del profumiere, non spaventosa, ma piena di potenziale. ”
Il mio sogno: “Viaggiare in giro per il mondo, prendermi il mio tempo, incontrare persone interessanti, vedere come vivono le persone, collezionare grandi ricordi, fare tutto con lo zaino in spalla”.
Il mio motto: “Tutte le cose buone arrivano a chi sa aspettare. Questa è una professione che ha bisogno tempo e molta pazienza. ”

 

Le mie materie prime
Fava Tonka: sono un fan delle fragranze orientali in generale. È un ricca, simile al fieno, cremosa, ingrediente gourmand cioccolatoso ed elegante … Lo uso in molte delle mie fragranze.
Cisto Labdano: lo puoi trovare nell’accordo Ambre 83, una base De Laire usata per Shalimar. Il Cisto offre una gamma di colori molto ampia da sola.
Mandorla amara: il profumo della colla Cléopâtre in Francia, ti riporta all’infanzia, una cultura molto francese. È un abbraccio olfattivo!

 

Creazioni

Agatha: Balade aux Tuileries 
Amouroud: Lunar Vetiver 
Carven: Paris Tanger, Carven L’Eau Intense (duo with Francis Kurkdjian), Carven L’Absolu (duo with Francis Kurkdjian) 
Daniel Hechter: Black (duo with Francis Kurkdjian), Signature Hechter Malt Cuiré 
Elie Saab: Le Parfum In White 
Emanuel Ungaro: For Her 2019 
Kenzo: Kenzo World Power
Le Couvent des Minimes : Lysandra 
MCM: Orris, Incense, White Tea
Molton Brown: Suede Orris 
Morgan: Black by Morgan, Red by Morgan, White by Morgan 
Panouge: Perle Rare Intense (duo with Francis Kurkdjian) 
Pedro del Hierro: Pedro del Hierro, PDH Eau Fraîche, PDH Intense, PDH Le Parfum, PDH Peonia 
Pepe Jeans: Pepe Jeans London For Him, Celebrate 
Première Note: Ambre Kashmir, Aura Tonka, Himalayan Oud, Tasman Santal 
Scorpio: Noir absolu EDP 
Sézane: L’Eau Sézane 
Ted Lapidus : Orissima Divine 
Une Nuit Nomade : Jardins de Misfah, Ambre Khandjar 
William Hunt: Oud de Parfum.