Nata a Grasse, Karine Dubreuil-Sereni ama la sua città e la sua architettura, la cucina locale, i meravigliosi giardini profumati delle sue nonne. Karine ha frequentato la scuola di profumeria Roure a Grasse, formandosi per tre anni con un ‘appetito’ e una gioia che non l’hanno mai lasciata. Nel 1986 si trova a Parigi: un anno importante, perché realizza il sogno di imparare a cantare. Un soprano lirico: Karine prende lezioni di canto ogni settimana, perchè “non potrei farne a meno, mi lasciano respirare“. Poi ci furono gli anni d’oro in Sanofi, folli, pieni di risate e progetti interessanti, poi Florasynth, e nel 1994 Drom, “una grande esperienza perchè abbiamo dovuto costruire da zero la filiale parigina“. Poi dieci anni in Mane, dove il suo tocco artistico ha conquistato i consumatori asiatici: “La delicatezza dei fiori, un ricordo della mia infanzia nei giardini di Grasse“. Nel 2012, Karine ha fondato la sua compagnia, Vox Pro¬fumi, e ha creato una serie di fragranze per L’Occitane, tra gli altri. Nel 2015 è entrata a far parte dello studio Takasago Fine Fragrance, che realizza anche le sue creazioni personali. Il suo primo insegnante, Jean-Louis Sieuzac, le aveva insegnato a “semplificare le formule e tralasciare le basi“. Lo fa ancora oggi. Una maniaca della formula confessata, lavora con la famiglia olfattiva in modo molto strutturato. “Le mie formule hanno una leggibilità olfattiva, possono essere lette come una melodia su un foglio di musica“.

Il mio ricordo del profumo: “L’acqua di Colonia ai fiori d’arancio che mia madre usava strofinarmi testa, e l’odore di aneto che soleva aleggiare nell’aria a Grasse. ”
Il mio viaggio: “Brasile Nord-orientale, in 4×4, tra le dune di sabbia e il mare, senza imbattermi in nessun’altra anima vivente ..”
La mia ispirazione: “Gli odori e i giardini della mia infanzia, i profumi indossati dalle persone che ho incontrato, viaggi, cucina, ovviamente … E la mia cultura olfattiva, che
diventa più ricca ogni anno che passa. ”
La mia fragranza iconica: “Opium. Ci annegavo letteralmente! Scuro, orientale e misterioso. E Empreinte di Courrèges, un cipresso ultra femminile. ”
Il mio colore: “Rosso, l’ombra del mio rossetto, la mia cucina dipinta di rosso Ferrari …”
Il mio sogno: “di cantare un giorno sul palco duettando con Roberto Alagna”.
Il mio motto: “Ispirato dal Dalai-Lama, la gioia è una forza, nutriamola”

Le mie materie prime:
Patchouli: è nero e dà una formula incredibilmente profonda.
Gelsomino: rappresenta la mia infanzia, la mia nonna italiana, amo il suo aspetto petaliforme, naturale. La femminilità incarnata.
Gli agrumi: tutti! La freschezza di una Colonia, con una nota di testa vivace e gioiosa. Sono il sorriso di una fragranza!

 

Creations

Azzaro: Blue Charm, Mademoiselle Azzaro, L’Eau Très Belle, L’Eau Très Florale, Mademoiselle L’Eau Très Charmante
Castelbajac: Eau de Par¬fum Bonheur
ELLE: Elle L’Edition
Emmanuel Ungaro: Apparition Wild Orange For Man, Apparition Exotic Green For woman, Apparition Cobalt Homme
Ferragamo: Incanto Shine, Incanto Heaven
Gucci: Envy Me, Gucci Pour Homme II
Guerlain: Aqua Allegoria Grosellina, Pivoine Magnifica
Jil Sander: Coral Pop Jo Malone: Vetyver
Lalique: Mon Premier Cristal Sensuel, Collection Les Compositions Parfumées, Illusion Captive, Ombre Noire
Lanvin: Eclat d’Arpège
L’Artisan Parfumeur: L’Eau d’Ambre, Mûre & Musc Extreme
L’Occitane: Cerisier Rouge Eau Intense, Arlésienne, La Collection de Grasse, Calanques, Rose et Reine, Eau des Baux
Mauboussin: Promise Me, Elixir Pour Elle
Michael Bublé: By Invitation, By Invitation Rose Gold
Roberto Cavalli: Just Cavalli Her, I Love Just Cavalli Him
Roger & Gallet: Huile Sublime Bois d’Orange, L’Homme Sport, Cédrat, Vetyver, Bouquet Impérial, Lavande Royale
Samourai: White Rose, Air, Dolce Caramel
Thierry Mugler: Womanity, Aquachic
Yves Saint Laurent: Vice Versa.